Alimentazione Speciale

mercoledý 24 aprile, 14:55

Test per le intolleranze alimentari: a cosa serve?

A cosa serve e come si effettua un test per le intolleranze alimentari?



Test per le intolleranze alimentari: a cosa serve?

Che cosa è il test per le intolleranze alimentari? Ancor prima di approfondire questo aspetto, cerchiamo di capire che cosa è, esattamente, un'intolleranza alimentare, e cosa provoca nel soggetto che ne è interessato.

 

Una distinzione di base assolutamente necessaria, soprattutto perchè si fa spesso confusione tra questi due termini, è quella che riguarda le intolleranze alimentari, appunto, e le allergie alimentari.

 

Nell'allergia alimentare il rigetto da parte dell'organismo nei confronti dell'alimento in questione coinvolge l'intero sistema immunitario, di conseguenza se si assume una pietanza per la quale si ha un'allergia, si possono verificare vari tipi di reazioni.

 

Colpi di tosse, respiri affannosi e asma, problemi di natura gastrointestinale, irritazioni della cute, e nei casi più gravi perfino degli shock anafilattici, sono sono alcuni esempi di modalità con cui il fisico può reagire dinanzi all'assunzione di un alimento per cui vi è un'allergia.

 

L'intolleranza alimentare riguarda esclusivamente l'apparato metabolico della persona, dunque le manifestazioni che può comportare l'assunzione di un alimento per il quale vi è un'intolleranza sono certamente meno irruente rispetto alle allergie; questo non vuol dire, ovviamente, che questo aspetto non meriti massima attenzione nella scelta degli alimenti.

 

Fatta questa indispensabile premessa, dunque, che cosa sono i test per le intolleranze alimentari?

 

Questi test sono appunto delle piccole verifiche finalizzate ad individuare un'intolleranza da parte del soggetto nei confronti di un determinato alimento.

 

Bisogna dire, tuttavia, che questi test hanno dei limiti piuttosto notevoli: anzitutto, il soggetto che si sottopone al test dovrebbe assumere una grande quantità di alimenti per poter individuare quello per il quale ha un'intolleranza, e la cosa ovviamente è piuttosto complicata.

 

Allo stesso modo, inoltre, c'è da sottolineare che anche nel caso in cui la persona assuma un alimento per cui è intollerante, potrebbero non verificarsi reazioni di alcun tipo per via delle esigue quantità: mangiandone una porzione significativa, al contrario, si potrebbero verificare i classici sintomi dell'intolleranza.

 

Ad oggi, dei test per intolleranza alimentare piuttosto diffusi sono il VEGA ed il DRIA, i quali tuttavia non hanno ancora avuto alcun riscontro scientifico.

 

Sul web, inoltre, si sta diffondendo in maniera notevole un particolare approccio, che consentirebbe alla persona di conoscere eventuali intolleranze semplicemente inviando una ciocca dei propri capelli; in realtà, anche questo tipo di test per le intolleranze alimentari non ha ancora avuto alcune approvazione da parte della scienza medica.

 

Riccardo G.



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Miglior correttore occhiaie
Filler labbra controindicazioni
Ginnastica facciale per guance cadenti

I più letti