Dietetica

mercoledì 09 febbraio, 23:41

Dieta : pasta sì, ma attenzione ai condimenti

I carboidrati amici o nemici della linea



Dieta : pasta sì, ma attenzione ai condimenti

Quando si parla di dieta, la prima cosa cui pensiamo è di eliminare i carboidrati dal nostro regime alimentare, quindi addio a pasta e pane.

Questo fondamento non è esatto, in base ai principi basilari della buona salute, e soprattutto della nostra dieta mediterranea, la pasta non è nemica del nostro giro vita e della bilancia.

Ciò che attenta seriamente la nostra linea, è il condimento. Che cosa significa? Quando ci è indicata una dieta, leggiamo sempre che la pasta non è mai eliminata del tutto, forse moderata e consumata a giorni alterni, ma ciò che conta veramente sono le quantità, e il modo con cui condiamo il nostro buon primo piatto di pasta asciutta.

La pasta non è calorica e al contrario invece, è fonte di energia per il nostro fisico, i carboidrati sono vitali per mantenere vigorosi i nostri muscoli.

Le calorie subdole, infatti, si nascondono dentro il condimento utilizzato per condire i nostri spaghetti o le nostre penne. Scopriamo come evitare di bandire la pasta dalla nostra dieta.

Quando si è soggetti a regime alimentare ristretto, l’importante è imparare a gestire le quantità di olio utilizzato, e al modo di cottura di quest’ultimo con gli altri ingredienti.

Un buon suggerimento per non rinunciare alla pasta, è quello di non cucinare soffritti. Tuttavia se non vogliamo rinunciarvi, il segreto è di mettere un mestolo di acqua nel tegame insieme all’olio extravergine di oliva.

In questo modo si eviterà di appesantire il vostro condimento, ricordando di consumare un piatto di pasta in grammi, di quantità moderata. Generalmente quando si segue una dieta, s’indicano circa 60 grammi. Prediligendo verdure fresche di stagione, preferibilmente prima grigliate o grattugiate.

Di seguito v’indico un esempio di primo piatto di pasta in calorie.

Un piatto di pasta di semola di grano duro per 100 grammi di prodotto rilevano circa 350 calorie, se si adotta una dieta di circa 1300 calorie al giorno, per il pranzo o la cena, possiamo permetterci 60 grammi di pasta di grano duro condito con verdure bollite o grigliate e un cucchiaino di olio extravergine di oliva.

Quindi proseguite con la consuetudine alimentazione indicata nella dieta, senza dover rinunciare alla vostra pasta.

Simili condizioni si possono mantenere, anche se non siamo sotto regime alimentare dietetico. Potete mangiare un pasto unico con circa 90 gr. di pasta e con delle verdure, e completare il pasto con una frutta.

Tiziana Cazziero



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Lievito di birra, come assumerlo ?
Sapone allo zolfo contro i brufoli
Come smettere di mangiarsi le unghie

I più letti