Mangiare Sano

giovedý 15 aprile, 16:57

La dieta dei 5 colori

I benefici della dieta dei 5 colori



La dieta dei 5 colori

Portare a tavola piatti che sprigionano colori è sempre una delizia, per la vista e per il palato. Danno allegria alla tavola, stuzzicano l'appetito e mettono a tutti il buon umore.

 

Ma i colori della frutta e della verdura sono anche benefici per la salute. Da tempo dietologi e nutrizionisti consigliano di mangiare ogni giorno almeno 5 porzioni di frutta o verdura di colore diverso, per conseguire uno stato di salute e di benessere ottimale.

 

I colori della frutta e della verdura sono dovuti alla presenza di diverse sostanze, chiamate fitonutrienti, presenti solo nei vegetali, in grado di svolgere un'azione benefica sull'organismo umano: rinforzando il sistema immunitario, contribuendo alla rimozione di tossine e altre sostanze dannose dall'organismo e, grazie alle loro potenti proprietà antiossidanti, proteggendo le cellule ed i tessuti dal danno ossidativo causato dai radicali liberi. Danno che, notoriamente, è alla base dell'invecchiamento e di varie malattie degenerative, ivi compresi il diabete, le patologie cardiovascolari e vari tipi di cancro.

 

Come regola generale, sono 5 i colori che non dovrebbero mai mancare nella dieta di ogni giorno: il bianco, il rosso, l'arancione, il verde e il blu.

 

Il bianco è dovuto alle antoxantine, presenti nell'aglio, nelle cipolle, nei fagioli bianchi, nei finocchi, nel sedano, nell'uva bianca, nelle mele, nelle pere, nelle banane e nei funghi. Queste sostanze hanno attività antiossidante ed anti-infiammatoria e possono contribuire a ridurre i livelli di colesterolo ematico, a migliorare la circolazione sanguigna ed a ridurre la pressione arteriosa.

 

Il caratteristico colore rosso dei pomodori, dei peperoni rossi, delle fragole, delle ciliegie e delle melagrane è dovuto al loro contenuto in licopene ed acido ellagico, due sostanze a potente azione antiossidante, utili per combattere il danno causato dai radicali liberi e prevenire alcune forme di tumore.

 

L'arancione ed il giallo sono dovuti alla presenza di beta-carotene ed altri pigmenti carotenoidi, presenti nelle arance, nei limoni, nei meloni, nelle carote, nella zucca e nei peperoni gialli. Oltre ad agire come antiossidante, il beta-carotene è essenziale per la sintesi di vitamina A, che gioca un ruolo chiave nella salute della pelle, delle mucose e degli occhi, ed è capace di potenziare la risposta del sistema immunitario nei confronti delle cellule cancerose.

 

Il colore verde si può ritrovare nella lattuga, nel kiwi, nei broccoli, nei piselli e negli spinaci. E' dovuto alla luteina, un potente antiossidante, particolarmente efficace nella prevenzione dei disordini della vista associati all'invecchiamento, in particolare della degenerazione maculare.

 

Infine, il caratteristico colore blu o porpora dell'uva nera, dei mirtilli, dei fichi, delle prugne e delle melanzane è dovuto al loro contenuto in antocianine e resveratrolo che, oltre ad agire come efficaci antiossidanti, contribuiscono a proteggere il cuore e le arterie dai danni causati dal colesterolo ed a prevenire il declino mentale.

 

E' quindi evidente come i fitonutrienti siano di estremo beneficio per la salute, anche se diversi fitonutrienti (e quindi diversi colori) hanno un differente spettro di effetti benefici. Ecco perchè la dieta di ogni giorno dovrebbe essere carica dei più svariati colori: solo mangiando ogni giorno frutta e verdura di colori diversi è infatti possibile beneficiare dell'intero spettro di azioni dei fitonutrienti.

 

Chiara De Carli

 



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Come dimagrire in una settimana
Creme viso dopo l'estate
Corpo: dopo l’estate

I più letti