Bambino

martedý 06 aprile, 07:06

Caffeina e bambini

Effetti della caffeina nei bambini e negli adolescenti



Caffeina e bambini

Probabilmente nessun genitore si sognerebbe mai di offrire al proprio bambino un caffè per colazione, merenda od a fine pasto, dato il suo contenuto in caffeina.

 

Attenzione però: la caffeina non è contenuta solo nel caffè, ma anche in altre bevande o alimenti comunemente consumati anche (o soprattutto) dai bambini, quali coca cola e analoghi, the freddo e cioccolato, sia fondente che al latte.

 

La caffeina è uno stimolante del sistema nervoso centrale che, quando consumata a bassi livelli, dona una sensazione pressochè immediata di maggior energia e reattività.

 

Tuttavia, quando in eccesso, la caffeina può essere responsabile di vari disturbi quali nervosismo, irrequietezza, disturbi di stomaco, mal di testa, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna. Si tratta di disturbi che si manifestano sia nell'adulto che nel bambino, anche se in quest'ultimo la dose di caffeina necessaria a produrli è, solitamente, di gran lunga inferiore.

 

Nei bambini inoltre il consumo eccessivo di bevande caffeinate (spesso anche molto zuccherate), in sostituzione di bevande più sane come acqua, succhi di frutta 100% e latte, può portare ad ulteriori problemi quali:

 

- obesità, dovuta all'alto contenuto calorico delle bevande tipo cola (130-140 kcal a lattina)

- carenze di vitamine e minerali, in particolare di calcio necessario per lo sviluppo delle ossa e dei denti

- problemi di carie e di mineralizzazione dei denti

- disidratazione, dovuta al ben noto effetto diuretico della caffeina

 

Ed è proprio a causa di questi effetti che le bevande contenenti caffeina dovrebbero essere limitate nei bambini, soprattutto nei più piccini, e sostituite con bevande più sane come acqua, latte, spremute o succhi di frutta 100%, possibilmente non zuccherati.

 

Ottimo sostituto del caffè, soprattutto a colazione, è rappresentato dall'orzo, mentre nei periodi di intenso studio è sicuramente più efficace l'assunzione di idonei integratori, rispetto alla caffeina che, nonostante il suo apparente ed immediato effetto positivo, nel lungo termine può dar luogo a problemi di concentrazione ed attenzione.

 

La sospensione della caffeina dovrebbe essere un processo graduale, al fine di evitare l'insorgenza di possibili effetti da "astinenza" quali mal di testa, depressione e stanchezza cronica. Effetti che, in ogni caso, sono sempre di durata limitata e tendenti a svanire una volta che l'organismo si sia riadattato a funzionare senza lo sprint impartito dalla caffeina.

 

Chiara De Carli

 



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

I vostri commenti
valentina come fanno,alcuni genitori, a non capire che il caffè e tante altre bevande fanno male ai propri figli anche solo in piccole dosi!!!!!!!!!mahhhhhhhhhhh
domenica 25 marzo, 22:55
Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Labbra screpolate : rimedi
Quanto costa la pulizia del viso?
Unghie rovinate cause

Unghie rovinate cause

[13 set 2017]

I più letti