News

sabato 01 novembre, 19:00

Nasce l'olio di oliva in gel. Di cosa si tratta?

Delle ricercatrici calabresi hanno ideato un innovativo olio di oliva in gel



Nasce l'olio di oliva in gel. Di cosa si tratta?

E' una notizia davvero singolare, quella che proviene dalla Calabria, la quale tuttavia potrebbe rivelarsi molto interessante sia per l'industria alimentare in generale, sia per le nostre abitudini gastronomiche.

 

Le ricercatrici del Dipartimento di Ingegneria informatica modellistica elettronica e sistemistica dell'università della Calabria (DiMes), diretto dal Professor Bruno De Cindio, sono riuscite a realizzare a seguito di laboriosi studi scientifici una versione molto particolare dell'olio di oliva, ovvero l'olio d'oliva in gel.

 

L'olio di oliva è un condimento ampiamente diffuso nelle abitudini gastronomiche nostrane, nonchè un alimento che presenta, senza mezzi termini, un'autentica eccellenza per quanto riguarda il Made in Italy.

 

L'obiettivo delle ricercatrici che lavorano in questo Distretto dell'Università della Calabria era quello di ideare un prodotto che presentasse le medesime caratteristiche qualitative ed organolettiche dell'olio di oliva di comune utilizzo, variandone tuttavia la consistenza.

 

L'olio di oliva che sono riuscite ad ideare queste ricercatrici è un vero e proprio olio di oliva in gel, dunque una tipologia di olio di oliva che può essere facilmente inserita in delle bustine, analoghe a quella molto diffuse, nei pub e nei ristoranti, per condire le pietanze con ketchup e maionese.

 

Il gusto, nonchè il colore e l'aspetto, rimangono assolutamente identici a quello dell'olio classico, con la sola differenza che, appunto, questo tipo di olio ha una consistenza in gel, e non liquida.

 

Ma per quale motivo questa scoperta può rivelarsi molto importante?

 

L'obiettivo di queste ricercatrici italiane è stato quello di ideare una tipologia di olio che si conciliasse con la praticità di utilizzo: la consistenza tipicamente liquida dell'olio, infatti, si rivela decisamente poco adatta per esser consumata in contesti diversi dalla tavola, eppure, oggi, sono sempre di più e persone che pranzano e cenano avendo a disposizione poco tempo, oppure in spazi ristretti o tutt'altro che comodi.

 

Questo innovativo olio in gel consente, di fatto, di poter condire gli alimenti con massima semplicità, anche per il fatto che il prodotto può essere facilmente trasportato in piccole bustine, proprio come si usa fare, come detto, per vari tipi di salse.

 

Questa particolare variante dell'olio di oliva, inoltre, riesce ad aderire in modo ottimale alle pietanze, come ad esempio alle foglie di insalata, riducendo in modo consistente, così, il rischio di potersi macchiare. 

 

L'idea che queste ricercatrici calabresi sono riuscite a concretizzare è candidata alla competizione Start Cup 2014, e si è già classificata al primo posto per quanto riguarda la regione calabrese.

 

Per gli ingredienti, le ricercatrici hanno utilizzato esclusivamente materie prime locali; la Calabria, d'altronde, rappresenta certamente una garanzia da questo punto di vista.

 

Questo innovativo olio di oliva in gel, dunque, è da considerarsi assolutamente un prodotto molto genuino sul piano nutrizionale, oltre che analogo all'olio di oliva classico dal punto di vista del gusto.

 

Una curiosità interessante che riguarda il dipartimento che ha portato a termine questo interessante progetto è nel fatto di esser composto esclusivamente da donne, al punto da essere definito come "il laboratorio delle ragazze".

 

Le borsiste e le dottorande che hanno preso parte al progetto hanno tutte meno di 30 anni, sono tutte precarie, e guadagnano circa 1.000 euro al mese.

 

Il fatto che queste ricercatrici siano riuscire a realizzare un obiettivo così interessante, che potrebbe avere dei risvolti realmente molto importanti dal punto di vista commerciale, rappresenta sicuramente un segnale positivo per una terra in cui la disoccupazione è molto alta, nonchè in un periodo in cui il nostro paese, da Nord a Sud, è fortemente interessato dallo spiacevole fenomeno della "fuga dei cervelli".

 

Riccardo G.

 



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Miglior correttore occhiaie
Filler labbra controindicazioni
Ginnastica facciale per guance cadenti