Mangiare Sano

giovedý 02 aprile, 17:48

La liquirizia

La liquirizia



La liquirizia

Come risulta dal primo erbario cinese, in Asia la liquirizia viene utilizzata da circa 5.000 anni ed è una delle piante più importanti. I medici cinesi la prescrivono da sempre per curare la tosse, i disturbi del fegato e le intossicazioni alimentari. Attualmente è ancora apprezzata per queste sue proprietà, ma viene utilizzata anche per i suoi effetti sull'equilibrio ormonale.

Il principio attivo più importante della liquirizia è la glicirrizina che le conferisce un'azione antinfiammatoria e antivirale. Azione da cui la moderna ricerca cerca di trarre vantaggio per nuove prospettive terapeutiche:terapia dell'ulcera, malattie reumatiche, malattie croniche del fegato, Herpes e prevenzione di gravi malattie autoimmuni. Della liquirizia vengono usate le radici di piante di 3-4 anni, raccolte durante la stagione autunnale ed essiccate. In commercio la radice può essere trovata in bastoncini da masticare, tagliuzzata per decotti e tisane, ridotta in polvere e in succo (estratto nero) come dolcificante e correttivo del sapore nell'industria farmaceutica.

USI:
·• Come antinfiammatorio e cicatrizzante nell'ulcera gastrica e duodenale:
lasciar sciogliere in bocca il succo nero a tronchetti o masticare il bastoncino di radice. Chi preferisce la tisana, invece, può far bollire 35gr. di radice (il taglio per tisane), 35gr. di menta in foglie e 30gr. di camomilla in fiore. Dopo che il tutto ha bollito, spegnere, coprire e filtrare dopo 15 minuti. Di questa miscela vanno bevute due tazze al giorno.

• Come lassativo:
come lassativo possono essere impiegate sia la radice di liquirizia ridotta in polvere e aggiunta ad altre piante, sia la radice tagliuzzata che viene miscelata in parti uguali con malva in foglie e radice d'altea e usata per decotto.

• Come antitosse:
come antitosse viene utilizzato il decotto breve che si prepara con un cucchiaio per tazza della seguente miscela: 50gr. di radice d'altea e 50gr. di radice di liquirizia.

La liquirizia, comunque, va assunta saltuariamente, facendo attenzione a non superare il dosaggio di mezzo grammo al giorno di glicirrizina (cosa che può capitare assumendo caramelle alla liquirizia o lassativi ricchi di estratti di concentrati di liquirizia). La glicirrizina, infatti, ha effetti collaterali sull'equilibrio dei sali minerali nel corpo; un abuso di liquirizia, quindi, può provocare ritenzione idrica, aumento della pressione, gonfiore al viso e alle caviglie, mal di testa e astenia. Pertanto le persone predisposte a ipertensione, ad edemi, i diabetici, le donne in gravidanza o in allattamento, devono evitare l'uso prolungato di estratti di questa pianta.



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Pelle spellata dal sole 6 rimedi
Orecchie tappate tutto quello che dovete sapere
Funghi della pelle come curarli in 8 modi

I più letti