Dietetica

lunedý 24 maggio, 09:52

Eccesso di vitamina B12: è possibile?

Vitamina B12: eccesso e carenza



Eccesso di vitamina B12: è possibile?

La vitamina B12 è una vitamina idrosolubile, presente in natura solo negli alimenti di origine animale (fegato, carne di manzo e molluschi ne sono i più ricchi), ma disponibile anche sotto forma di integratore dietetico o come farmaco con obbligo di prescrizione medica.

 

All’interno dell’organismo, la vitamina B12 è essenziale per l’appropriata formazione di globuli rossi e per la corretta funzione neurologica. Per questo una sua carenza è spesso associata a sintomi di anemia (cosiddetta anemia megaloblastica, a causa delle notevoli dimensioni assunte dai globuli rossi, peraltro presenti in numero ridotto) ed a disturbi neurologici (formicolii alle mani ed ai piedi, difficoltà a mantenere l’equilibrio, depressione, stato confusionale, problemi di memoria).

 

Si tratta tuttavia di un problema relativamente raro, legato in genere ad un carente od assente assorbimento di vitamina B12 (da cause ereditarie o legato all’età), oppure ad un’inadeguata assunzione di vitamina B12 con gli alimenti, come può verificarsi negli individui che seguono diete vegetariane o vegane.

 

Ancor più improbabile è unintossicazione da eccesso di vitamina B12. Essendo questa una vitamina idrosolubile, ogni eccesso derivante dall’alimentazione o da un’integrazione inappropriata è solitamente eliminato attraverso i reni, senza dar luogo ad accumuli dannosi per l’organismo. Quindi nessuna tossicità da vitamina B12, almeno per gli individui sani.

 

Un recente studio (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20424250?tool=MedlinePlus) segnala tuttavia la possibilità di effetti avversi nei pazienti affetti da nefropatia diabetica trattati con alte dosi di questa vitamina, in associazione con acido folico e vitamina B6. Dallo studio è emerso infatti che, contrariamente a quanto ipotizzato, il complesso vitaminico B12-B6-acido folico produceva un peggioramento della funzionalità renale ed un aumento dell’incidenza di episodi cardiovascolari nei pazienti diabetici affetti da nefropatia.

 

Un effetto probabilmente legato alla ridotta eliminazione urinaria dell’eccesso somministrato, che indurrebbe a precludere l’utilizzo di alte dosi di vitamina B12 (e delle altre vitamine presenti nel complesso) nei soggetti con funzionalità renale alterata.

 

Chiara De Carli

 



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Sandoz

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Estate: sudare, sudare, sudare ma amo solo il sole e il mare!
Salvati dalla cellulite con Somatoline
Perdi i capelli? Fermali con Bioscalin

I più letti