News

sabato 28 maggio, 09:30

L'ISS informa sull'uso di sale iodato “Poco sale ma iodato” poco troppo poco

L’uso del sale iodato è ancora troppo poco per la prevenzione delle malattie tiroidee



L'ISS informa sull'uso di sale iodato “Poco sale ma iodato” poco troppo poco

In Italia è stata avviata una campagna di iodoprofilassi sei anni fa, ma che per ora non ha dato i risultati sperati. Proprio il 25 maggio per la giornata mondiale della tiroide a Roma si è tenuta una tavola rotonda indetta dall’associazione ATTA (ammalati di tumore e della tiroide associati)che affrontava il tema”la tiroide fra problemi aperti e risolti”.

Sei anni fa in Italia, grazie alla legge .55 del 21 marzo 2005, si è dato inizio ad un programma di iodoprofilassi nazionale, che prevede che la vendita obbligatoria di sale iodato.

I dati riportati dall’OSNAMI L’osservatorio nazionale per il monitoraggio della iodoprofilassi del’ISS riferiscono che il 47% del sale venduto è iodato, lontano dal 90% richiesto dall’OMS(ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SALUTE). L’analisi di indicatori quali la ioduria e il TSH neonatale conferma che la iodocarenza è persistente.

Lo iodio è importante alla funzionalità dell’organismo grazie alla sua presenza negli ormoni tiroidei.

Gli ormoni tiroidei, tiroxina e la triiodotironina sono indispensabili per lo sviluppo del sistema nervoso centrale e al mantenimento dell’omeostasi. Carenza di iodio provocano patologie come il gozzo, carenze intellettiva, minor capacità intellettiva e lavorativa.

La strategia dall’OMS per evitare queste carenze è la supplemetazione di iodio nel sale alimentare. In questo modo lo iodio raggiungerebbe la quantità richiesta per il fabbisogno giornaliero che nell’adulto è di è di 150 µg, mentre in gravidanza e durante l’allattamento è maggiore (250 µg). Il consumo di sale arricchito di iodio non è in contrapposizione con le raccomandazioni per la riduzione del consumo di sale (non più di 4-5 gr. al giorno) finalizzata alla prevenzione dell’ipertensione e delle malattie cardiovascolari.

La salute pubblica dev’essere tutelata con una migliore attenzione da parte della popolazione  e degli operatori sanitari in generale.

VAL DIDI



Codice

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Consiglialimentari.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.

Categoria: News


Farmaci Equivalenti

Gratis le Ricette di Consiglialimentari.it

Solo la tua mail per ricevere subito e Gratis la Guida iscrivendoti alla nostra newsletter

50 Ricette e Consigli per mangiare sano

E-mail:

Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy

 

Mederma
Blog Bellezza
Miglior correttore occhiaie
Filler labbra controindicazioni
Ginnastica facciale per guance cadenti